Mistero d'autunno

Un mistero creato... ad arte!

Articolo in elaborazione

Devo essere sincera: inizialmente avevo pensato a “Bagliori d’autunno” e riflettuto su possibili collegamenti tra colori autunnali, giochi di luce e ombra, alberi.

Poi, però, raccogliendo immagini e iniziando a scrivere la storia, mi sono accorta che i colori, le forme, le idee che andavo accumulando mi riportavano tutte a due opere che amo molto: “Tournée du Chat Noir” e “Bières de la Meuse”. In breve ho realizzato che mi sarebbe piaciuto guidare i bambini in un percorso alla scoperta dell’Art Nouveau.

A quel punto ho pensato che il nuovo libro avrebbe potuto tingersi di giallo. Un mistero… Un mistero legato all’Arte. Era ora di rimettere in pista Neri Bolp!

Trattandosi di un personaggio estremamente misterioso, è stato facile collegarlo a Valeria e Igor, i protagonisti di “Notte stellata”. Grazie ai suoi viaggi, Neri mi ha dato la possibilità di ampliare la location della narrazione: dal Friuli alla Spagna, passando per Francia e Regno Unito fino ad arrivare in Austria.

Ho costruito la storia e il libro in modo da poter toccare alcuni esempi significativi dell’Art Nouveau e imbastire intorno a ciascuno dei piccoli percorsi interdisciplinari.

Il libro si suddivide in 3 parti principali: il pomeriggio di Valeria e Igor, il mistero della lampada, i racconti di Neri Bolp. Ogni parte permette di sviluppare diversi temi e attività in base all’elemento che si sceglie di rendere protagonista.

Episodio 1

In questa parte io ho scelto di puntare l’attenzione sul gatto nero.

Certamente si possono sviluppare altri temi: il bosco in autunno, le emozioni, i contrasti di luce e ombra, i colori dell’autunno (partendo per esempio da “L’abbraccio” di Klimt), il cielo in tutte le sue sfumature…

Episodio 2

Qui ho scelto di concentrarmi sulla lampada scomparsa.

Si possono pensare attività anche sulle finestre istoriate, sulla luce, sull’arcobaleno, su fiori e alberi…

Episodio 3

In questa sezione ho privilegiato il tema della casa.

Altri argomenti da sviluppare potrebbero essere: la vita tra fine ‘Ottocento e inizio ‘Novecento, l’impatto dei colori sulla percezione degli spazi e sulle emozioni, abbigliamento e gioielli nella storia…

Altri percorsi…

Prendendo spunto dalle opere di Gaudì presenti negli episodi due e tre, ho pensato alcune attività legate al drago.

… albero vita?

Ogni percorso è durato circa due settimane. Siamo partiti sempre dall’osservazione delle opere dei grandi artisti cercando di cogliere somiglianze e differenze, facendo attenzione a colori e linee, mettendo in evidenza le sensazioni che provavamo.

Per ogni tema ho proposto alcune letture legate all’argomento, ho invitato i bambini a descrivere un’opera o un oggetto reale, ho chiesto loro di lasciare libera la fantasia descrivendo oggetti magici. Ho colto l’occasione per presentare alcune parole in Friulano, Inglese e Francese. Ho proposto un’attività di arte collegata all’opera osservata.

Gisella Cossaro

Laureata in Scienze della Formazione Primaria, insegna dal 2003 nella Scuola Primaria.
Il disegno, la cucina e il giardinaggio sono gli hobby che le piace portare in classe.

Questo lavoro è distribuito sotto licenza Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International